Sapori, memoria, magia e lentezza: «Il pranzo della domenica»

Sorgente: Corriere del Veneto